ASCOLTA

user


 Parte 1

Ascolta | Pausa | Indietro 5 secondi | Avanti 5 secondi

Vai a min. sec.

Scarica questo file audio
(clicca sul link col tasto destro e seleziona "Salva con nome")


 Parte 2

A cura del giornalista Elio Cadelo e dello psichiatra Michele Di Nunzio. Con l'intervento del sociologo Giorgio Pacifici.

NB: Nell'audio Cadelo, distrattamente, dice che i gatti non sono amati dai mussulmani, invece gli arabi amano molto i gatti e difatti sono gli unici animali liberi di stare [...]
A cura del giornalista Elio Cadelo e dello psichiatra Michele Di Nunzio. Con l'intervento del sociologo Giorgio Pacifici.

NB: Nell'audio Cadelo, distrattamente, dice che i gatti non sono amati dai mussulmani, invece gli arabi amano molto i gatti e difatti sono gli unici animali liberi di stare nelle moschee e anche loro come gli antichi egizi, non possono colpire malamente i gatti perché la legge islamica, punisce chi commette violenza sui gatti. Mentre il sociologo Pacifici, per distrazione, ha invertito i termini "hanafita e hanbalita".

Noi siamo coloro che credono che le donne abbiano il diritto e il dovere di contribuire con la loro intelligenza e i loro sentimenti alla politica di ogni paese. Noi siamo tanti, siamo già la maggioranza e vogliamo diventare ancora di più. “Loro” sono gli “altri” , quelli che -indipendentemente dal colore della pelle e dal credo religioso- vogliono la soggezione delle donne, che vogliono le mutilazioni genitali femminili perché anche se non sono un dogma religioso sono comunque una tradizione così antica e così bella (!!!)… Loro sono quelli che non vogliono che le ragazze vadano a scuola o all’università, che vogliono che le ragazze si vestano in un modo che non è quello che le ragazze desiderano, che vogliono controllare tutto, che vogliono che le donne non lavorino, non guidino l’auto e siano confinate nelle case, che vogliono limitare il loro accesso ad alcune carriere, che non vogliono che le retribuzioni siano uguali.
Ma “noi” siamo anche quelli si battono per i diritti degli omosessuali, intesi nella accezione più vasta LGBT (Lesbian, Gay, Bisexual, Transgender), noi siamo quelli che non vogliono che due ragazzi omosessuali vengano buttati giù da una torre solo perché hanno manifestato pubblicamente i propri sentimenti.Noi siamo quelli che non vogliono manifestazioni di bullismo da nessuna parte , ma meno che mai manifestazioni di bullismo omofobo.“Loro” sono quelli che credono che i comportamenti legati alla sfera affettiva e sentimentale e agli orientamenti sessuali possano essere sanzionati con pene che ledono la dignità umana e supplizi crudeli: 50 frustate, 100 frustate…, la decapitazione. Ecco, in poche parole, chi siamo noi e chi sono loro.
Perché questi valori di libertà diventino i valori di tutti, è necessario stabilire dei percorsi formativi, forse non particolarmente complessi, ma certo seri e accurati.
[...] Mostra

Lingua : Italiano

Area geografica : Mondo

Trascrizione : Nessuna trascrizione disponibile

Condividi audio via mail
Link diretto all'audio :

Nessun commento audio disponibile
Nessun commento disponibile
Nessuna taduzione disponibile